Scuola, polemica scoppiata su posti singoli 300 euro: c'è un'esposizione ai costi

Scuola, polemica scoppiata su posti singoli 300 euro: c’è un’esposizione ai costi

Esposto da Codacons Non solo promesse di interrogazioni parlamentari, Codacons ha annunciato una denuncia alla magistratura contro le banche unilaterali “in modo che tutti gli aspetti del contratto Miur possano essere chiariti. Vogliamo capire se c’è un’offerta regolare e come si determina quale compagnia dovrà rifornire le nuove banche. È anche necessario accertare se Le spese sostenute dalla società erano eque e proporzionate, o al contrario c’era uno spreco di fondi pubblici?

Secondo il capo di Codacons, Carlo Rienzi, la denuncia presentata all’Anac lavora per verificare un potenziale conflitto di interessi: “Se sorgono violazioni o incongruenze, non esiteremo a chiedere un divieto contrattuale, per proteggere gli interessi collettivi”.

Azzolina: “Sedili singoli necessari per la spaziatura” Il Ministro Azulina ha dichiarato, a margine della sua visita all’istituto completo Ricardo Massa di Milano, che “i posti sono singoli e al momento sono i posti che ci garantiranno una maggiore distanza ma in futuro consentiranno l’approccio, cioè quello di ottenere l’innovazione nell’insegnamento che consente agli studenti di lavorare in gruppo”.

Quanto ti serve? “Stiamo conducendo sondaggi, lo abbiamo fatto prima con l’ufficio scolastico regionale”, ha detto Azulina. “E ora con i dirigenti scolastici. Distinguiamo nelle scuole primarie, secondarie e medie.” Le scuole hanno tempo fino al 24 luglio per presentare le domande per le loro esigenze.

Ma ci sono anche polemiche sulle alternative Per quanto riguarda la nomina di alternative, il ministro ha spiegato: “Qualcuno vuole credere che daremo delle sedie a coloro che non possono insegnare e non hanno il diritto di farlo. Niente è più falso. Voglio rassicurare tutti, specialmente le famiglie: lo stiamo facendo esattamente il contrario”.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

“Fino ad ora, è successo che le alternative possono andare a chiunque, anche a coloro che non erano almeno addestrati, attraverso la cosiddetta follia, sono disponibili. È stato offerto un curriculum scolastico e la chiamata è stata fatta – continua -. Camberemo il sistema per decenni Contratti di prima infanzia e di prima elementare, poiché ne stiamo parlando, andremo prima ai diplomati e poi, a loro volta, a coloro che si laureeranno in scienze dell’istruzione primaria “.

“Questo è il titolo che si qualifica specificamente per l’insegnamento per questa classe di scuola durante la quale vengono anche svolte sessioni di formazione specifiche. Quindi stiamo parlando di giovani che sono pronti, perché hanno già le abilità derivate dall’esecuzione della formazione. Ci rimproverano su questo?”, Ha continuato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *