Più che raddoppiato da nuove infezioni (282) e 9 morti. Lo scoppio in Emilia e Campania

Più che raddoppiato da nuove infezioni (282) e 9 morti. Lo scoppio in Emilia e Campania

Corona virus, Bollettino, in Italia oggi, mercoledì 22 luglio 2020. 282 nuovi pazienti positivi più che raddoppiati rispetto ai 129 registrati ieri: 51 in Lombardia (+17), 18 in Emilia Romagna (+57), 36 in Veneto (+14), con focolai nel Lazio, Trento, E la Campania. Ciò è evidenziato oggi dal bollettino del Ministero della Salute che il coronavirus positivo (+74) è attualmente ad un’altezza di 12322, mentre 9 (-6) sono nuovi decessi per un totale di 35.082. L’ammissione al reparto di terapia intensiva è ridotta di un’unità che si ferma a 48 mentre i casi di ricovero scendono a 724 (-8). 11.550 pazienti sono rimasti in isolamento domestico (-62).

In Romania, il coronavirus registra infezioni

Bollettino in dettaglio

Un’analisi dei dati rilasciati dal Ministero della Salute mostra che il numero di pazienti ricoverati nel reparto di terapia intensiva sta aumentando leggermente oggi: finora ce ne sono 48, una persona in meno rispetto a ieri. Per quanto riguarda il numero di pazienti ricoverati, il numero di seggi detenuti ieri è diminuito di 8, a meno di 724. . Per quanto riguarda i dati regionali, 13 regioni hanno registrato nelle ultime 24 ore 7 nuovi casi o meno, quattro dei quali a zero. It’s Molise (4); Valle d’Aosta (0); Calabria (4); Sardegna (1); Umbria (2); Contea autonoma di Bolzano (0); Sicilia (7); Abruzzo (0); Friuli Venezia Giulia (2); Puglia (0); Marchi (1); Liguria (7); E la Toscana (6). I dati di oggi per la Basilicata, la regione con i casi più bassi in Italia, sono sbalorditivi: da ieri sono stati registrati altri 36 positivi, ma 33 di questi sono stati trovati in un gruppo di immigrati che erano già stati messi in quarantena.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Provincia di Frosinone, il coronavirus va e viene: due casi positivi ma sono già isolati

Coronavirus, un morto in Lombardia

Una persona positiva è deceduta per coronavirus in Lombardia Nelle ultime 24 ore, per un totale di 16.798 dall’inizio dell’epidemia. Secondo i dati riportati dalla regione Lombardia, i nuovi casi positivi sono 51 casi, di cui 16 dopo test sierologici e 22 positivi deboli. Fino a ieri erano stati condotti 5.361 sbavature, portando il totale a 1,2 milioni dall’inizio della crisi. “Le misure preventive di monitoraggio e tracciabilità gestite da ATS stanno ancora” catturando anche i più piccoli focolai e spegnendoli sul nascere “, ha dichiarato Julio Gallera, consigliere provinciale per la cura della Lombardia. Ha mostrato 17 casi positivi di virus corona nelle ultime 24 ore nella provincia di Milano, di cui 10 a Milano. Secondo i dati della regione Lombardia, a Bergamo, ci sono 7 nuovi vantaggi, a Brescia 9, Como 1, Sondrio 1, Varese 6, Monza e Brianza 5, Lecco 1 e Lodi 4. Tuttavia, non ci sono nuovi risultati positivi, a Cremona, Mantova e Pavia . “I dati di oggi sono particolarmente incoraggianti, nelle province di Cremona, Mantova e Pavia, infatti, non vi sono casi positivi”, commenta il Consigliere per la cura di Julombe Gallera.

Coronavirus, nel Lazio, una nuova ondata di infezione: 16 nelle ultime 24 ore e 2 morti

Accordo tra Confindustria e Ubi Banca per finanziare gli affari

Bollettino Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, sono stati segnalati 29.295 casi positivi in ​​Emilia Romagna, 57 in più rispetto a ieri, tra cui 41 persone asintomatiche identificate nel contesto delle attività di screening e tracciabilità regionali. Sfortunatamente, ci sono due nuovi decessi: uno a Bologna e uno alla morte di Rimini. Si riferisce a un uomo e una donna. “La maggior parte delle nuove vittime – ha detto in una nota l’Emilia-Romagna – sono dovute a focolai o casi già noti e a molte persone che sono tornate dall’estero. Lombardi segue 51 casi e Veneto con 36. Lo stesso numero di nuovi casi è stato registrato in Basilicata, una zona libera da incidenti negli ultimi giorni. Anche la Provincia indipendente di Trento (20) è al quarto posto in termini di aumento del numero di nuovi casi, che supera anche Lazio (20), Campania (19) e Piemonte (13).

Molti stati non Schengen, che la regione ha deciso controlli più rigorosi, a partire dal doppio buffer nel periodo di isolamento obbligatorio. Una misura precauzionale che identifica i positivi asintomatici e interviene immediatamente in situazioni potenzialmente pericolose.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Coronavirus, scuole del Lazio: testato 120.000 professori e portieri

Bollettino Lazio: casi in aumento

Nelle ultime 24 ore, 16 nuovi casi e morti. 7 dei nuovi infetti vengono importatiUn caso: dal Bangladesh, quattro dal Pakistan, uno dalla Romania e uno dall’India. Nella regione c’è un nuovo aumento dei casi: martedì ci sono stati 6 casi.

Bollettino Campania: non deceduto
Diciannove positivi in ​​Campania su 2.065 pezzi di tamponi, il defunto non è morto e una persona: questi sono i dati nel volantino di oggi dall’Unità di crisi regionale per attuare e gestire le misure di prevenzione delle emergenze epidemiche da COVID-19. Gli aspetti positivi complessivi sono 4.858 persone, mentre i difetti totali sono 316.191 persone.

Newsletter Molise: altri 4 aspetti positivi
C’è solo un ospedale su 11 positivi, o 4 in più rispetto a ieri, tra cui la condizione delle tre persone che sono arrivate dal Venezuela. Rispetto al giorno precedente, sono state eseguite ulteriori 118 sbavature.
I tre venezuelani appartenevano alla stessa famiglia e arrivarono da Caracas a Campobasso passando, secondo la prima ricostruzione, dalla Serbia attraverso un percorso religioso. Gli ospiti della struttura della chiesa, dopo aver subito un deposito temporaneo, poiché provenivano dall’esterno dell’area, risultarono positivi per Covid-19. L’ANSA ha appreso da Michelle Petrroya dal comitato pro-venezuelano del Molise, presidente onorario dell’associazione Giuseppe Tedeschi che si occupava anni fa dei problemi della popolazione molisana in Venezuela. “Per cinque mesi, dopo l’emergenza sanitaria – spiega Petaroya – abbiamo sospeso i ritorni in Molise per i residenti in Venezuela. A nostro avviso, in questo momento dovremmo essere più attenti e prevenire l’arrivo di arrivi da paesi in cui vi è un rischio maggiore ed evitare infezioni da importazione. ”Nel frattempo, il Direttore Generale dell’Autorità Sanitaria Regionale del Molise (Asrem), Oreste Florenzano, ha dichiarato che“ l’oceano è finito Limitalo a trovare eventuali contatti e capire come sono arrivati. ”

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Bollettino Basilicata: da 0 a 36 casi
Dei 36 nuovi casi positivi, ha riferito la Basilicata, 33 casi sono stati trovati in un gruppo di immigrati che erano già in quarantena. Questo è ciò che abbiamo appreso dai dati forniti dal Ministero della Salute sullo stato dell’infezione da coronavirus.

Bollettino piemontese: altri 13 casi
I positivi salgono a 889, o 13 in più rispetto a ieri. L’aumento degli strisci è stato forte: 3.084 in più rispetto al giorno precedente. 146 è stato trasferito in ospedale.

Ultimo aggiornamento: 18:34


© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *