Trovare una statua di Padre Pio, o San Pio dopo l’aumento di salario, non è cosa né rara nè desueta. Trovarlo come scudo oscurante un simbolo prettamente massonico invece desta curiosità. Probabilmente il Parroco si è reso conto dei simboli che adornano le colonne della sua chiesa e, fatte le debite ricerche, ha deciso di “oscurare” per lo meno quello di più facile interpretazione.

Il simbolo in questione è questo qui.

Ammetterete che trovarlo su di una colonna in una Chiesa a Ferentillo (Terni) è per lo meno bizzarro. Potete notare che ho dovuto fotografarlo diagonalmente proprio perché davanti a esso c’è una statua di Padre Pio. Anche le altre colonne riportano simboli tipicamente massonici, ma sono simboli un po’ più avanzati, quindi di più difficile interpretazione da parte di chi non è iniziato. Detto ciò, e riconosciuto a San Pio l’onore di essere baluardo contro i demoni massonici passo ad un ragionamento più serio: ma che ci fanno questi simboli in una chiesa cattolica? E soprattutto: perché a Ferentillo?

Intanto va detto che questo piccolo paese è alle porte della Valnerina, la quale vanta parecchi insediamenti Templari, così come un po’ tutta l’Umbria. Un altro luogo assolutamente da visitare (e sentire vibrare) è il complesso Templare di San Bevignate a Perugia, ma questo sarà oggetto di un prossimo articolo. Torniamo a Ferentillo.

Non vi sto ad annoiare con tutta la sua storia, la trovate facilmente tramite google, invece vi parlerò di ciò che smuove questa chiesa, delle sensazioni che ho provato standoci dentro, osservando i rilievi sulle colonne, le incisione sul pavimento. E’ un luogo che pulsa, non certo per le statue dei vari santi e sante, vibra perché al suo interno quei simboli furono attivati a suo tempo, un tempo dove i Templari erano il fiore all’occhiello della Chiesa Cattolica e del Papa in particolare, visto che erano alle sue dirette dipendenze. Poi l’ingordigia e la codardia umana fecero il massacro che ben conosciamo.

Ma i loro simboli sono rimasti, saldi nel passato e vigili sul presente. Entrando in risonanza con loro è possibile “sentire” ciò che ancora hanno da dirci e vi assicuro che risuonano forti e chiari.

Eccone alcuni:

 

 

 

 

Simpatici vero? Potete divertirvi a cercarne il significato, non dimenticate mai però il luogo in cui sono, su questo link potete trovare alcune informazioni sulla chiesa e fare un piccolo virtual tour: Santa Maria in Ferentillo

Spero di aver innescato la vostra curiosità. E’ un piccolo articolo che, se ben interpretato, aprirà uno spiraglio sulla conoscenza che avevano i nostri predecessori. Ognuno si ponga le proprie domande e si metta alla ricerca delle proprie risposte. Spero anche che andrete a farci una visita, nel caso vi consiglio la mattina, in genere non c’è nessuno e si ha modo di assaporare in pieno il suo mistero… non ve l’ho detto? Questa chiesa è piena di misteri, come alcune incisioni nel pavimento.

E’ un luogo talmente misterioso che anche Dan Brown se ne è interessato.  Pettegolezzi a parte auspico che più delle mie (povere) parole parlino i simboli che vedete in questa pagina.

Affidatevi a loro, mettevi in ascolto e lasciate che pervadano il vostro essere.

 

 

 

Fabio Pedrazzi

Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social o invialo in email. Si ricorda che il lavoro è coperto dalla legge sul Copyright ed è vietata la riproduzione.