Coronavirus, che lavora con la febbre da giorni: positivo. Bagno chiuso a Ostia

Coronavirus, che lavora con la febbre da giorni: positivo. Bagno chiuso a Ostia

Ore 19 Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella di posta.

Dolore muscolare precoce 12 luglioFebbre dopo due giorni: ma comunque Sintomi del coronavirus – che è stato un risultato positivo del test – è andato a lavorare fino a 16 anni in una località costiera a Ostia, sulla costa romana. Asl Roma 3 ordine Chiudi la fabbrica Ora sta monitorando e testando tutte le sue connessioni. L’uomo, di origini bengalesi, è stato trovato in isolamento all’ospedale Spalanzani. “Stato indice – RapportoUnità di crisi Covid-19 Per la regione Lazio – sembra essere uno dei suoi concittadini, che è andato a Milano. Avvio di procedure nazionali per il monitoraggio dei contatti “

L’uomo lavorerà Bar ristorante Il telaio funziona in cucina. Quindi non avrà contatti con i clienti. Ma la paura si diffuse sulla costa romana, soprattutto dopo casi simili accaduti anche poco tempo fa in due luoghi di Fiumicino. La comunità bengalese è sempre stata “sotto osservazione speciale” a Roma e nel Lazio. Si sono verificate molte infezioni da importazione Ferma i voli da questo paese. Ho ordinato la regione Lazio Tamponi di moquette: Finora più di seimila.

Lazio Health Adviser, Alessio Damato, Parlare di “Circostanza pericolosaPer mancanza di rispetto per l’isolamento volontario, è necessario per quelli con febbre o altri sintomi. Noi chiediamo Massima responsabilità – Aggiunge – con i sintomi devi stare a casa e chiamare Un dottore. Non è possibile vagare o lavorare. Comprendo le esigenze del lavoro e continuo le loro attività, tuttavia Il rischio è troppo alto per la comunità“.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Supporto per Ilfattoquotidiano.it: ora senza precedenti
Abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane epidemiche, noi giornalisti, se facciamo la nostra coscienza, facciamo un servizio pubblico. Ecco perché ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, sondaggi, video e altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico significativo. La pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è in recessione, offre rendimenti limitati. Non in linea con la portata del boom. Ecco perché chiedo a coloro che hanno letto queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, è essenziale per la nostra attività.
Sii un utente di supporto Clicca qui.

Grazie mille
Peter Gomez

Ma ora siamo noi quelli che hanno bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi della nostra capacità di offrire centinaia di nuovi contenuti ogni giorno gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è in recessione, offre rendimenti limitati. Non in linea con il boom dell’accesso a ilfattoquotidiano.it. Ecco perché ti chiedo il nostro supporto, con il contributo più basso, pari al prezzo del cappuccino a settimana. Piccolo ma essenziale importo per la nostra attività. Aiutaci con quello!
Sii un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Sostieni ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, Rapporto settimanale: “Un leggero aumento delle infezioni e RT superiore a 1, non solo a causa di focolai di malattie. Ma ancora a basso rischio “

successivo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *