Cessazione delle carte di riscossione delle imposte fino alla fine del 2020 - Il Tempo

Cessazione delle carte di riscossione delle imposte fino alla fine del 2020 – Il Tempo

Il governo sta lavorando sul fronte fiscale, come parte del seguente decreto che funzionerà con risorse allocate grazie all’ultima modifica del budget ($ 25 miliardi). E secondo quanto estratto dalle fonti dell’autorità esecutiva, una delle seguenti procedure sarà correlata all’estensione della sospensione della riscossione obbligatoria delle imposte fino alla fine dell’anno.

Solo oggi l’opposizione è tornata per insistere sulla questione dei fascicoli di riscossione delle imposte. Durante un incontro pubblico a Prato, il leader della lega Matteo Salvini ha dichiarato: “Questi sciocchi prevedono a settembre di inviare 12 milioni di bollette fiscali Equitalia a casa degli italiani. Faremo di tutto per fermarlo, perché sarà un massacro dell’economia”.

Salvini a Prato:

Video su questo argomento

Per quanto riguarda le altre misure, la moratoria sui mutui per le famiglie, la cui scadenza era fissata per il 30 settembre, sarà prorogata fino al 31 dicembre 2020.

Sul fronte del lavoro, ci sono due procedure di rovesciamento che il governo è pronto ad attuare: in primo luogo, si prevede che il contributo sarà lasciato cadere fino alla fine dell’anno per il datore di lavoro che restituisce il lavoratore licenziato. Invece, il secondo strumento di riassegnazione affronterà le nuove reclute.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *