Castelli: “Clienti mancanti? Ristoranti che cambiano lavoro. L'assalto del viceministro

Castelli: “Clienti mancanti? Ristoranti che cambiano lavoro. L’assalto del viceministro

È una tempesta per la Vice Ministro dell’Economia Laura Castelli in una dichiarazione a Tg2 Post che qualcuno ha semplificato con un riassunto secco: “Se i proprietari di ristoranti non lo fanno, cambia lavoro”. Una frase che suscita reazioni dal vivo, anche se le parole che richiedono un movimento a 5 stelle non sono così brutali. “Questa crisi ha guidato la domanda e l’offerta e le persone hanno cambiato il modo di vivere e abbiamo bisogno dell’aiuto di uomini d’affari in nuove società che sono nate durante questo periodo. Naturalmente se qualcuno decide di non andare più in un ristorante, deve aiutare l’imprenditore a fare altri affari e non perdere il lavoro e deve anche essere supportato nella sua creatività, potrebbe aver visto una nuova attività. Penso che negare che questa crisi abbia cambiato l’offerta e la domanda dal punto di vista macroeconomico sia un errore. Le aziende devono essere aiutate, trasferiremo le tasse “.
E poi, dopo le differenze sollevate da Salvini e Meloni, ha stabilito: “La citazione del ristorante è un esempio, non un attacco alla categoria, come qualcuno ha voluto spiegare in modo efficace”.

Meloni (FdI): “Sono senza parole”

La leader della Fratelli di Italia, Giorgia Meloni, inizia l’attacco: “Dopo il massacro del settore dell’ospitalità con ban e regole ridicole e multe per gli operatori che sono scesi in strada perché hanno chiesto aiuto, l’ultimo espediente viene dal governo giallorosso di Castelli Grill: i proprietari di ristoranti che non hanno più agenti devono cambiare lavoro. Non posso parlare. Saranno queste le persone che dovrebbero aiutare l’Italia a partire? “Per il vicecapo del gruppo nella sala del campionato Francesco Zaciri, invece,” un annuncio vergognoso e vergognoso danneggia migliaia di uomini d’affari, operatori e dipendenti che si trovano ad affrontare una crisi molto grave senza alcun sostegno statale. Castelli si dimette per porre fine a due anni di passi falsi, errori e concetti vari. Dopo Beppe Grillo, che definisce Roma una “ fogna ”, ora Castelli esce con questa vergognosa frase: fingendo di essere tra le cinque stelle in disordine, in completa crisi nervosa ”.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Salvini: «Il governo vergognoso»

“ Ristoranti senza clienti? Vai alla nuova attività e diventa un imprenditore creativo. Un massacro a causa della crisi, senza soldi, senza rinviare le date delle tasse, e persino il vice ministro degli Esteri Grilina ha deriso l’economia! Matteo Salvini lo ha scritto su Facebook, citando le parole della Vice Ministro Roberta Castelli: “Non ho altre parole … Abbiamo il governo più vergognoso nella storia repubblicana. Il leader della lega conclude che più velocemente lasciano il Paese, meglio è per il Paese. .

Trancassini (FdI): “Approccio di superficie”

Ancora più duro Paolo Trancassini, membro dei Fratelli italiani e proprietario del ristorante più antico di Roma: “Ascoltare la Vice Ministro Laura Castelli per consigliare i ristoranti, incluso me stesso, a cambiare lavoro ci rende sospettosi e genera rabbia in ognuno di noi. L’approccio impreciso a questo drammatico problema è sorprendente, come mi ricorda il rappresentante del governo “ ignorante ”, non si tratta di alcuni proprietari di ristoranti ma di migliaia di posti di lavoro legati all’enorme catena di approvvigionamento: chef, camerieri, commercianti, agricoltori, artigiani, ecc. Tutti cambiano il loro posto di lavoro solo perché un governo incapace di arrendersi alla crisi in questo settore e con un presupposto inaccettabile rimane sordo alle proposte concrete per affrontare questo problema. No, Vice Ministro di Castelli, non cambio il mio lavoro, puoi cambiarlo fino a quando non ci dai almeno una speranza. “

18 luglio 2020 (modifica il 18 luglio 2020 | 16:20)

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *