Brescia, un bambino di 7 anni si sente male dopo essersi tuffato in piscina: è morto in ospedale

Brescia, un bambino di 7 anni si sente male dopo essersi tuffato in piscina: è morto in ospedale

è essere Il bambino è morto Quel pomeriggio si sentì male dopo aver nuotato nella piscina comunale di Brescia. Secondo la prima ricostruzione, il bambino si sentì male dopo essere entrato in acqua e fu immediatamente salvato dai soccorritori che tentarono di rianimarlo. Inutile corsa al pronto soccorso Mandò loro civili Dove è morto il bambino, 7 anni di origine straniera. laggiù Agente di Brescia Ha aperto un’indagine per chiarire se la morte potesse essere evitata.

Tutto è iniziato poco dopo le 16:00 in fabbrica via Rudy. Il ragazzo era con i suoi genitori e il fratello maggiore. Il bambino ha perso conoscenza: funzionari responsabili hanno cercato di rianimarlo per mezz’ora – come riportato da Il Giornale di Brescia – con massaggio cardiaco, respirazione da bocca a bocca e usando Dispositivo di scossa elettrica. Ufficiali di polizia e vice procuratore Gianluca Gribo sul sito.

Supporto per Ilfattoquotidiano.it: ora senza precedenti
Abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane epidemiche, noi giornalisti, se facciamo la nostra coscienza, facciamo un servizio pubblico. Ecco perché ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, sondaggi, video e altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico significativo. La pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è in recessione, offre rendimenti limitati. Non in linea con la portata del boom. Ecco perché chiedo a coloro che hanno letto queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, è essenziale per la nostra attività.
Sii un utente di supporto Clicca qui.

Grazie mille
Peter Gomez

Ma ora siamo noi quelli che hanno bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi della nostra capacità di offrire centinaia di nuovi contenuti ogni giorno gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è in recessione, offre rendimenti limitati. Non in linea con il boom dell’accesso a ilfattoquotidiano.it. Ecco perché ti chiedo il nostro supporto, con il contributo più basso, pari al prezzo del cappuccino a settimana. Piccolo ma essenziale importo per la nostra attività. Aiutaci con quello!
Sii un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


Sostieni ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Brescia, un’auto che confonde un uomo a cavallo: 63 anni in gravi condizioni, l’animale è morto

successivo


READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *