Autostrad, mediazione di Gualtieri per convincere Conte. Irritazione di De Mayo

Autostrad, mediazione di Gualtieri per convincere Conte. Irritazione di De Mayo

Poco dopo l’una del mattino, l’armadietto era ancora in corso, la famiglia Benetton alzò praticamente le mani e accettò tutte o quasi tutte le condizioni del governo, incluso il caso di scendere in autostrada con una quota quasi non correlata, circa il 10%, senza posti nel consiglio di amministrazione, Ma non è ancora abbastanza. Contattarsi per dire ai suoi ministri: devono rimanere vincolati da eventuali danni e risarcimenti alla loro amministrazione, e viceversa Questo accordo non può essere chiuso e torniamo alla cancellazione.

Subito dopo l’una, la strada sembra essere stata cancellata oraLa cancellazione sembra lontana, anche se le scorie lasciate sul tappeto non sono poche: Luigi de Mayo non è affatto contento del potenziale affare, né accusa segretamente Conte di usare lo strumento di nullità per raggiungere un accordo, forse anche questa è la verità, ma una calunnia da parte del movimento . Il ministro dell’economia Conte Roberto Gualtieri, che ha negoziato con Benetton e chiarito l’ultima offerta, si è distinto, con il ministro Paula de Micheli, quando il gabinetto è stato sospeso. Le proteste di Pilanova in arrivo, i ministri di Grilene de Michelelli hanno attaccato perché era sempre stato un negoziatore e l’incontro notturno continua ad analizzare tutti i pro e i contro della mediazione recente.

Per gran parte della giornata, lo scontro è continuato (Reale o Virtuale) tra il conte stesso e il Ministro delle infrastrutture. L ‘The Huffington Post Una lettera di de Michel al Primo Ministro sarà pubblicata, il 13 marzo, in cui il rappresentante del Partito Democratico non esclude l’ipotesi di accordo, e quindi un accordo. Contrariamente a quello che sembra essere l’obiettivo del primo ministro appoggiato dal movimento. Confronto? Negli uffici di Conte escludendolo, i due si incontrano con gli altri ministri nel pomeriggio all’ambasciata francese, se non sembrano preoccuparsi del messaggio, ma è vero che de Micheli è ancora contrario, perché giudicarla rischiosa dal punto di vista finanziario e sociale, quando la cancellazione a secco Per il franchising: non possiamo far fallire una società quotata in borsa di queste dimensioni, dobbiamo garantire ai lavoratori e ai lavori pianificati, e con la nullità rischiano di superare tutto, sono stati ripetuti giorni fa chiamandoci a valutare gli aspetti della storia.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

L’eventuale mediazione spetta al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, che sembra aver stretto più contatti con la società e preparato un piano di intervento generale nel capitale di Aspi che potrebbe essere un punto di equilibrio tra esigenze diverse. In breve, la soluzione finale è ancora lontana, ma sembra anche che la cancellazione stia perdendo forma, almeno la soluzione formale. Benetton sarà emarginato per mesi e a tarda notte, il primo ministro e cinque stelle discutono le implicazioni politiche di uno scenario simile. Per il Partito Democratico, va bene, Conte sembra quasi soddisfatto, e de Mayo e il resto delle cinque stelle sono ancora convinti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *