70 ore sul nuovo ponte

70 ore sul nuovo ponte

Il Pont A partire dal Genova Ricostruito a tempo di record, ma per viaggiare, dovrai andare al rallentatore o quasi. Le prime criticità iniziano a emergere. Nuove regole ingegneristiche per la costruzione di strade, introdotte nel 2001, che specificavano parametri precisi per la lunghezza delle linee dello stretto e non era possibile rispettare il raggio delle curve adiacenti quando apparivano. calendario? A differenza di Morandi, la cui nuova opera è costruita sulle sue rovine, la pianificazione del ponte vicino all’apertura imporrà limiti di velocità più severi del previsto: verso Savona non è escluso Il limite scende anche a 70 km all’ora, rispetto ai 90 consentiti a Morandi. Ma per Misajiro Ciro del Zotto, in qualità di CEO di Fincantieri Infrastrutture, la società responsabile della ricostruzione di Morandi, spiega: “Queste regole si applicano alle nuove attività mentre in questo caso è legittimo parlare di cambiamento”.

Autostrade, nazionalizzazione e Atlantia entro un anno

esami
Nel frattempo, ha iniziato a testare la forza della struttura. Più in dettaglio, la curva dopo il ponte prefigura Savona, che gli esperti considerano fondamentale. Al punto che per affrontare il problema ora, Anas potrebbe decidere che la velocità massima in questo intervallo sarebbe di settanta chilometri all’ora. Fincantieri Infrastructure Chief Operating Officer sottolinea sempre questo Non è corretto parlare di un percorso non standard: «Il nuovo ponte segue il percorso del vecchio Morandi, progettato più di mezzo secolo fa, prima dell’introduzione delle nuove regole di ingegneria ingegneristica delle strade, il cui scopo ultimo è determinare la lunghezza delle linee dello stretto e garantire allo stesso tempo La dolcezza delle curve». Di Più. “L’alternativa era quella di sviluppare un percorso più complesso nella loro forma, ma una soluzione di questo tipo avrebbe prolungato il tempo per svolgere il lavoro”, ha aggiunto.

READ  Allerta rapida, quando finisce? Oggi il punto rosso è in 10 città (poi arrivano i temporali)

Ponte Genova, De Micheli: “Ho firmato la lettera di autorizzazione Aspi”.

In breve, il problema è già noto da tempo. Tanto che a febbraio 2019 le anomalie del Consiglio supremo dei lavori pubblici sono state evidenziate da Italferr, il progetto esecutivo allargato, e nel marzo 2019 da Autostrade per l’Italia (Aspi) alla conferenza sui servizi. A quel tempo, la tavola ricorse all’angolo e si limitò a descrivere l’uso di asfalto altamente aderente.
gli esami
Il progetto iniziale conteneva già un limite di 80 km all’ora, quindi inferiore a quello applicabile a Morandi, e un controllo costante della velocità. Tuttavia, l’uso dei cosiddetti insegnanti non è ancora possibile a causa di problemi legali. Nel frattempo, sono iniziati i test statici della struttura. Saranno utilizzati 54 camion articolati Con un trattore e un rimorchio per le prove sul ponte e 4 prove di rampa “autocisterna automotrice” con l’autostrada A7. Dovranno passare sopra la struttura in una formazione stretta e lenta per consentire la modifica della superficie strutturale, quindi su un test di torsione viaggeranno sulle strade del nord e del sud, mentre in Test di frenata I veicoli che partecipano alle prove si fermano contemporaneamente in un punto specifico. Verranno quindi eseguiti test fissi e i veicoli verranno posizionati su parti predefinite del ponte per sperimentare sollecitazioni del telaio superiori agli stati operativi del ponte. Anas, in qualità di operatore stradale responsabile di garantire la sua sicurezza, dopo la prova fornirà indicazioni su come sono regolate le condizioni della strada e, a questo punto, può imporre un limite di velocità di settanta chilometri all’ora per precauzione.




© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *